Ordinamento Generale – Norme delle competizioni organizzate da fairclub

REGOLAMENTO GENERALE DELLE COMPETIZIONI ORGANIZZATE DA FAIRCLUB.IT

CAPITOLO 1

PRINCIPI GENERALI

Art.1 PREMESSA

Il Fairclub promuove, patrocina e organizza competizioni automobilistiche virtuali su piattaforma consolle utilizzando i titoli software del momento che più rispecchiano l’aspetto simulativo delle corse.

Art.2 PRINCIPIO DI LEALTÀ

Tutti gli iscritti devono comportarsi secondo principi di lealtà e correttezza in ogni funzione, prestazione o rapporto comunque riferibile alla competizione automobilistica.

Art.3 PRINCIPIO DI NON VIOLENZA

Tutti gli iscritti devono astenersi da qualsiasi condotta verbale o gestuale intenzionalmente diretta a ledere l’integrità morale di altri soggetti in occasione dello svolgimento delle competizioni automobilistiche.

Art.4 SANZIONI AI PRINCIPI GENERALI

A chiunque violi i principi di cui agli articoli precedenti sono applicate le sanzioni disciplinari previste nel capitolo 5

 

CAPITOLO 2

ORGANIZZAZIONE GARE

Art.5 PUBBLICAZIONE EVENTI

Lo staff mediante studio delle auto e dei circuiti, nell’ambito del software utilizzato, pubblica eventi, campionati, trofei , Coppe, e Challenge con caratteristiche specifiche quali:

  1. numero gare per evento;
  2. durata delle gare in giri o tempo;
  3. data e ora nella quale si svolgerà ogni singola gara;
  4. numero partecipanti;
  5. situazione climatica;
  6. vetture o classi di vetture utilizzate;
  7. aiuti elettronici consentiti;
  8. visuale consentita;
  9. tipo di cambio consentito;
  10. periferica consentita;
  11. scala di punteggio assegnato;
  12. eventuale costituzione e numero di team;
  13. termine per l’iscrizione all’evento;
  14. requisiti necessari per la partecipazione all’evento;

Art.6 ISCRIZIONE ALL’EVENTO

L’iscrizione all’evento si perfeziona comunicando il nickname della piattaforma software utilizzata, la livrea e numero della vettura, laddove disponibile e la periferica utilizzata.

L’utente, di seguito pilota, che si iscrive ad un evento fairclub, sottoscrive accettando in ogni sua parte il presente regolamento dichiarando di averlo letto e compreso.

Art.7 PARTECIPAZIONE

Il pilota, iscrivendosi all’evento, si impegna nella partecipazione e comunica per tempo e motivando l’eventuale assenza. In caso di assenza ingiustificata anche per una sola volta, sarà estromesso dall’evento fino alla sua conclusione.

 

CAPITOLO 3

PUNTEGGI e QUALIFICAZIONI

Art.8 ATTRIBUZIONE DEI PUNTI

I regolamenti dei singoli Campionati, Trofei, Coppe e Challenge stabiliscono a quanti e quali piloti classificati saranno attribuiti i punti e quale sia la scala dei punteggi, nell’ambito di ciascuna suddivisione (team, stanza, classe, formula).

Art.9 EX AEQUO NELL’AGGIUDICAZIONE DI POSIZIONI, TITOLI E/O PUNTEGGIO

La posizione di classifica da assegnare a ciascun pilota in ex-aequo sarà determinata in base al maggior numero di primi posti e successivamente con la media aritmetica dei piazzamenti conseguiti.

In caso di ulteriore ex-aequo potrà essere presa in considerazione una prova valida in soprannumero rispetto a quelle previste per l’aggiudicazione e, se necessario, prove successive.

Nelle sessioni di qualifica, nel caso in cui, due o più piloti conseguissero un tempo identico, verrà considerato l’ordine temporale di conseguimento e laddove non sia possibile, l’ordine cronologico di iscrizione all’evento.

Art.10 ESCLUSIONE DALL’AGGIUDICAZIONE DEI TITOLI E/O PUNTEGGIO

Alle penalità superiori alla squalifica, la Direzione Gara, da ora in poi DG, potrà aggiungere, in relazione alla gravità dei fatti, l’esclusione dalla classifica (e quindi dall’aggiudicazione del titolo) dei Campionati, Trofei, Coppe e Challenge comunicando la decisione agli interessati e pubblicandola sul sito internet.

L’eventuale punteggio acquisito dai piloti di cui sopra, prima della esclusione, perderà di conseguenza ogni valore pur senza che ciò alteri il punteggio dei rimanenti piloti.

 

CAPITOLO 4

RECLAMI

Art.11 SEGNALAZIONE INCIDENTI

Ogni incidente che avvenga in sede di gara che comporta perdita della posizione o ritiro dovrà essere segnalato alla DG entro le 24 ore successive alla conclusione della gara utilizzando la mail ufficiale [email protected]

Modalità di presentazione dei reclami post gara

  • Termini di presentazione
  • Modalità di presentazione
  • Contenuti
  • Operato della DG
  • Relazioni
  • Verdetti

gli utenti potranno spedire i reclami entro e non oltre le ore 24 del giorno successivo alla gara
A tal fine è fatto obbligo agli utenti di predisporre durante la sessione di gara, la clip video che immortali l’episodio oppure il replay post gara laddove possibile.

2) la modalità di presentazione dei reclami è principalmente via mail, per quanto anche altri mezzi, quali ad esempio via whatsapp e telegram, potranno essere accettati, bensì solo col consenso della dg

3) il reclami dovrà avere in oggetto il nome del pilota ricorrente VS il nome del pilota imputato. Ad esempio “Matrioska70 vs Il_Mamas”
Nel corpo della mail dovrà essere scritto un commento sull’accaduto e che spieghi il video allegato (obbligatorio), inoltre, l’esatta indicazione della manche o gara, il minuto of il giro nel quale è accaduto, al termine è obbligatori anche una breve considerazione del perché l’accusato dovrebbe essere punito.

4) la DG una volta raccolti i reclami inizierà la loro valutazione, informerà gli utenti con una relazione ( indicata al successivo punto 5) e formulerà i verdetti ( indicati al successivo punto 6).
Qualora un membro della DG sia implicato nel reclamo oggetto di valutazione , sarà automaticamente escluso dal giudizio.

5) la relazione della DG sarà pubblicata fra la giornata successiva alla gara e una settimana dopo e conterrà l’elenco dei reclami pervenuti, comunicando quindi il o i piloti che sono soggetto o oggetto di reclami.

6) il verdetto della DG sarà pubblicato insieme alle classiche ufficiali della gara entro il 4° giorno dalla gara stessa. Il verdetto della DG è insindacabile e qualsiasi esternazione o commento sarà oggetto di ulteriore investigazione e/o sanzione immediata.

Art.12 INCIDENTI GRAVI

Sono da considerarsi incidenti gravi quelli che provocano il ritiro del pilota coinvolto o un danno decisivo e pressoché irreparabile nel contesto della competizione in specie.

Art.13 RAPPORTO SUGLI INCIDENTI GRAVI

Ogni incidente che comporti il ritiro del pilota coinvolto dovrà essere oggetto di un rapporto semplificato da inviare immediatamente dopo il termine della gara alla DG e successivamente secondo quanto disposto dall’art.11

Art.14 OMOLOGAZIONE DEI RISULTATI DELLE COMPETIZIONI

L’omologazione di una competizione rappresenta il riconoscimento ufficiale dei risultati conseguiti

e la conferma della regolarità degli stessi. L’omologazione è pronunciata, sulla base della verifica delle segnalazioni pervenute alla DG, passate le 48 ore dalla fine della gara. La DG si riserva il diritto di posticipare tale scadenza in circostanze eccezionali.

Art.15 PROCEDIMENTI

I procedimenti innanzi alla DG sono instaurati d’ufficio o su istanza dell’interessato come specificato nei seguenti articoli.

Art.16 PROCEDIMENTI INSTAURATI D’UFFICIO

la DG può instaurare un procedimento disciplinare d’ufficio in caso di comportamento scorretto o irregolare del pilota presente sul campo di gara.

Art.17 PROCEDIMENTI INSTAURATI SU RECLAMO

La DG instaura un procedimento disciplinare su segnalazione dei piloti secondo quanto pervenuto dal disposto dell’art.11

Art.18 DIRITTO DI RECLAMO

Il pilota è l’unico legittimato a proporre reclamo nel caso in cui sia stato leso direttamente.

In mancanza di reclamo, la DG ove lo ritenga opportuno, può procedere d’ufficio.

Per decidere su un reclamo, la DG procederà esaminando quanto pervenuto ed eventualmente interrogherà separatamente le parti in causa redigendo nota sull’accaduto.

Alla nota deve essere allegata eventuale documentazione fotografica e gli eventuali filmati di

cui hanno preso visione.

Art.19 OGGETTO DI RECLAMO

Il reclamo deve riferirsi a fatti specifici verificatisi od a provvedimenti adottati nel corso di una competizione.

Possono essere riferiti a:

  1. incidenti;
  2. scorrettezze;
  3. irregolarità tecniche (cheat o lag per esempio);
  4. irregolarità organizzative

Art.20 TERMINI PER LA PROPOSIZIONE DEI RECLAMI

  1. Per incidenti o scorrettezze secondo procedura dell’art.11;
  2. Per irregolarità tecniche, durante le qualifiche e secondo procedura dell’art.11;
  3. Per irregolarità organizzative, con messaggio o reclamo tramite mail o mezzi alternativi prima, durante e dopo l’evento

Le irregolarità organizzative riconosciute sono:

  1. la validità di una partecipazione;
  2. la qualifica non autorizzata di un pilota;
  3. violazione del presente regolamento;
  4. Altri errori di ogni tipologia commessi dalla DG a parere del pilota

Art.21 DECISIONI

La DG decide, sui reclami del o dei piloti o sull’esito di provvedimento d’ufficio, collegialmente a maggioranza di voti dei presenti.

Nei casi in cui la DG, per l’impedimento assoluto di uno dei commissari, sia chiamato a giudicare in numero pari, prevale il voto del membro con più anzianità nel fairclub il cui giudizio è comunque vincolante in caso di disaccordo sull’interpretazione ed applicazione dei regolamenti.

 

CAPITOLO 5

INFRAZIONI

Art.22 ILLECITO DISCIPLINARE

Costituisce illecito disciplinare il mancato rispetto delle norme contenute nel presente Regolamento nonché l’inosservanza dei principi derivanti dalle linee generali con particolare riferimento ai principi di lealtà, di rettitudine e di correttezza morale che devono sempre ispirare i comportamenti degli iscritti.

Art.23 ILLECITO SPORTIVO

Rispondono di illecito sportivo tutti gli iscritti che compiano o consentano che si compiano, con qualsiasi mezzo, atti diretti ad alterare lo svolgimento o il risultato di una gara o ad assicurare a chiunque un vantaggio di classifica, anche se questo non si è realizzato.

 

CAPITOLO 6

SANZIONI

Art.24 PENALITÀ DI GARA

Le sanzioni vengono applicate con un arretramento di posizioni in base al risultato finale di gara, queste possono aumentare a seconda della gravità del caso:

  1. Caso non giudicabile e senza colpe: nessuna penalità
  2. Caso con infrazione di lieve entità: arretramento di 2 posizione
  3. Caso con infrazione di media entità: arretramento di 4 posizioni
  4. Caso con infrazione di grave entità: arretramento di 6 posizioni
  5. Caso con infrazioni consecutive in più eventi: oltre all’arretramento previsto nei casi precedenti si può aggiungere la partenza dal fondo alla gara successiva, che può comunque essere comminata dalla DG in sostituzione o come ulteriore sanzione da aggiungersi a quelle precedentemente descritte
  6. Caso con infrazioni multiple e/o volontarie: a discrezione della DG si valuta la squalifica dalla gara e/o dal campioanto.
  7. Abbandono dalla lobby e assenza non comunicata sono puniti con l’arretramento in griglia all’evento successivo. In caso di wild-card il trasgressore perderà la priorità acquisita a favore della prima riserva disponibile.

Le penalità espresse in posizioni si modificano in base alla tabella qui allegata in caso di infrazione commessa al primo giro o restituzione della posizione.

Art.25 SQUALIFICA, DIFFIDA E RADIAZIONE

  1. La squalifica è la sanzione inflitta direttamente dalla DG per una infrazione particolarmente grave.
  2. La squalifica è la recidiva di una ammonizione con diffida e si estende automaticamente a tutte le competizioni a cui il soggetto condannato è iscritto per un periodo non inferiore a 1 gara e non superiore a 2;
  3. La radiazione è la sanzione inflitta direttamente dalla DG per una infrazione gravissima;
  4. La radiazione è la recidiva di una squalifica inflitta direttamente dalla DG oppure per somma di ammonizioni con diffida;
  5. La radiazione comporta in via definitiva gli effetti della squalifica per tutta la durata del torneo in corso e qualora fosse limitata ad una sola gara rimanente anche per le 2 successive di altro torneo al quale il condannato è iscritto.

Art.26 DETERMINAZIONE E MODALITÀ DI APPLICAZIONE DELLA SANZIONE

Nella determinazione della sanzione la DG deve tener conto della gravità delle infrazioni commesse, del comportamento tenuto dal responsabile prima, durante e dopo la consumazione dell’infrazione, dei suoi precedenti disciplinari.

Ai fini dell’applicazione della squalifica andrà considerato sempre il principio di effettività e, dunque, si dovrà tenere conto anche del periodo, rispetto al calendario sportivo, in cui la sanzione verrà scontata.

Nella determinazione della specie e dell’entità della sanzione, la DG deve indicare:

  1. Il contesto delle circostanze di fatto in cui sono state compiute le violazioni dal responsabile;
  2. Gli effetti della condotta e le motivazioni;

Le sanzioni vanno scontate nel momento successivo alla pubblicazione della decisione.

Art.27 PRESCRIZIONE

Le infrazioni che potrebbero dar luogo a recidive si prescrivono entro i termini di 5 gare ufficiali disputate.

Art.28 MANCATA OSSERVANZA DELLA DECISIONE

L’eventuale mancato rispetto della decisione della DG è considerata infrazione molto grave a carico degli iscritti inadempienti e pertanto tale condotta è sanzionata ai sensi del presente regolamento.

Art.29 MODIFICHE AL PRESENTE REGOLAMENTO

lo staff del fairclub si riserva in ogni momento la facoltà di migliorare il presente regolamento al fine di limitare le controversie derivanti dalla sua interpretazione e per consentire una serena partecipazione da parte degli utenti. Ogni modifica sarà comunicata ufficialmente agli iscritti.

Art.30 ACCETTAZIONE VERDETTI DELLA CdG

Gli utenti che non condividono le scelte della CdG sono pregati di astenersi da ulteriori critiche poichè il verdetto rimane una decisione unanime e insindacabile da accettare.
Se l’utente persiste nella sua azione di disturbo (sopratutto in privato verso gli organizzatori) saremo costretti a squalificarlo dal campionato e radiarlo dalle attività del fairclub.it